top of page
Cerca
  • Immagine del redattorePFL Group

IL NUOVO PROFILO ATA: L’OPERATORE SCOLASTICO

L’Operatore Scolastico, nell’ambito di specifiche istruzioni e con responsabilità connessa alla corretta esecuzione del proprio lavoro, svolge un’attività caratterizzata da procedure ben definite che richiedono una preparazione non specialistica.

Il suo ruolo è simile a quello del Collaboratore Scolastico, ma si distingue per alcune responsabilità supplementari, come ad esempio l’assistenza di base agli studenti con disabilità e il sostegno ai servizi tecnici e amministrativi.

Tra le sue mansioni rientrano:

  1. Accoglienza e sorveglianza nei confronti del pubblico degli alunni nei periodi immediatamente antecedenti e successivi all’orario delle attività didattiche, nel cambio dell’ora, nell’uscita dalla classe per l’utilizzo dei servizi e durante la ricreazione;

  2. Pulizia dei locali, degli spazi scolastici, degli arredi e delle pertinenze;

  3. Custodia e sorveglianza generica dei locali scolastici;

  4. Collaborazione con i docenti;

  5. Vigilanza sugli alunni, compresa l’ordinaria vigilanza e l’assistenza necessaria durante il pasto nelle mense scolastiche e, nelle scuole dell’Infanzia e Primaria, nell’uso dei servizi e nella cura dell’igiene personale;

  6. Attività qualificata non specialistica di assistenza e di monitoraggio delle esigenze igienico-sanitarie agli alunni con disabilità;

  7. Supporto ai servizi amministrativi e tecnici.

QUALI SONO I REQUISITI D’ACCESSO?

Per accedere alla figura di Operatore Scolastico, è necessario essere in possesso di:

  1. Attestato di qualifica professionale di Operatore dei Servizi Sociali;

  2. Certificazione Internazionale di Alfabetizzazione Digitale.

In alternativa:

  1. Diploma di qualifica triennale rilasciato da un Istituto Professionale o “Certificato di competenze” relativo al primo triennio del percorso di studi di cui al D.Lgs. n. 61 del 2017 – con promozione alla classe IV – da cui emerga il raggiungimento delle abilità, conoscenze e competenze minime necessarie per il superamento del predetto periodo di istruzione;

  2. Certificazione Internazionale di Alfabetizzazione Digitale e Certificazione di Competenze Socio-Assistenziali (Corso OSA).

Si specifica che, affinché tutto questo sia confermato, occorre attendere l’approvazione finale del CCNL. Successivamente, il Ministero definirà in via ufficiale tutte le certificazioni necessarie e i requisiti definitivi.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

RIAPERTURA GRADUATORIE ATA: QUALI NOVITÀ?

Imminente riapertura delle graduatorie ATA, prevista per il 2024: si è ancora in tempo per acquisire nuovi titoli? Assolutamente sì! Vediamo insieme le ultime novità riguardanti i titoli richiesti. CE

bottom of page